Dalla Panchina Gigante di Paroldo si respira storia napoleonica

Sulla mia strada ho incontrato un’altra Big Bench, la Panchina Gigante di Paroldo, la numero 44, da dove si respira aria – in questo periodo particolarmente frizzante – di storia.

Panchina gigante di Paroldo

Questa panchina gigante è accessibile a persone con disabilità: è la prima volta che vedo una panchina di questo tipo, perfettamente adattata per accogliere anche chi ha problemi nel muoversi. Una pedana permette di raggiungere comodamente la seduta e godersi il fantastico paesaggio che si staglia all’orizzonte.
A colpire la mia attenzione, però, non è solo la panchina, che è posizionata in un angolo molto discreto da dove ammirare uno spettacolare panorama sull’Alta Langa verso il paese di Paroldo, ma è anche il viaggio nel tempo che si può fare arrivando fino a qui! Siamo, nello specifico, alla Pedaggera, su un piazzale in cui tutto sa di storia e ricorda Napoleone!

Giornarunner con Napoleone alla Pedaggera

Infatti, passa proprio di qua l’Itinerario Napoleonico, un lungo percorso che tocca anche l’Astigiano (in particolare il Tanaro a Rocca d’Arazzo) e che unisce questa zona del Piemonte alla vicina Liguria. Qui, il 16 aprile 1796, le truppe piemontesi riuscirono a fermare l’esercito di Napoleone, che rimediarono una sonora sconfitta.

Vista sull'Alta Langa verso Paroldo


Se volete seguirmi sui social, ecco le mie pagine:
            

“Comunicare la Bellezza III: Giornarunner” è un progetto dell’Associazione L’Astigiano 3.0, in collaborazione con l’Associazione Lo Sport è Vita, per la promozione del territorio e di un modo di vivere salutare e sostenibile.
Il progetto gode del Patrocinio dell’Ente del Turismo Langhe Monferrato Roero e dell’Associazione per il Patrimonio dei Paesaggi Vitivinicoli del Piemonte: Langhe-Roero e Monferrato

Please follow and like us: