Merlazza e quel ricordo dell’antica vittoria del Palio di Asti

Ogni colle ha la sua valle e a Celle Enomondo la parte pianeggiante è la frazione Merlazza. Questa area è ricca di fonti, quando ero bambina ci passavo di corsa con mio papà e ricordo che ci fermavamo ad una fontana che ora non ho più ritrovato. Ma il collegamento tra Val Merlazza e l’acqua è più forte di quello che pensavo essere un vago ricordo da bambina: infatti abitanti del luogo mi hanno raccontato che la rete idrica locale è alimentata dalle proprie riserve d’acqua del sottosuolo.

Frazione Merlazza Celle Enomondo

A Merlazza ci sono diverse cappelle, ricordate, siamo sempre a Celle Enomondo, il paese della tantissime cappelle votive. C’è la cappella di San Pietro e San Grato (nella foto di copertina), per chiedere la liberazione dai fulmini e dalla tempesta, la cappella della Consolata (nella foto sopra), che si guardano in faccia, e c’è pure la Chiesa di San Vincenzo Ferreri (foto sotto), dove, al suo interno è custodito il quadro ex-voto per la Vittoria di Celle d’Asti al palio di Asti il 22 maggio 1826!
Frazione Merlazza Celle Enomondo
Da Merlazza passa il percorso che unisce i quattro Comuni dell’Unione Terre di Vini e Tartufi, San Damiano, Celle, Revigliasco e Tigliole. Un pezzo lo avevamo già visto, quello in costa alla collina dove sorge Celle. Qui si arriva da Lavezzole, frazione di San Damiano d’Asti, passando per strade sterrate ben battute, immersi nelle campagne.

Frazione Merlazza Celle Enomondo

LEGGI ANCHE
I sentieri di Celle Enomondo tra boschi, campi, animali e cappelle
Tra i sentieri e le cappelle di Celle Enomondo

Frazione Merlazza Celle Enomondo

Please follow and like us: